Mentre il mondo guarda Milan-Barcellona – Per i soldi

2013-10-22 17.28.18Scrivo questo post appena dopo essere tornato a casa da un Örebro-Degerfors Under 21. Under si fa per dire, visto che fra i bianconeri sfilavano di fatto le riserve della prima squadra, fra cui quel cammello di Markus Pode che non riesce a segnare neanche contro i ragazzini di 19 anni.

Tutto questo mentre il mondo intero guarda Milan-Barcellona. Strano vero? Poco meno di un anno fa era successa una cosa e per un po’ ho sognato che una sera come queste, magari proprio questa, sarei stato da un’altra parte. Magari non San Siro, mi sarebbe bastato anche fare il commento da studio di Zenit-Portimonense di Coppa delle Coppe. E invece niente, Örebro-Degerfors. Non è la fine del mondo, perchè sono quasi due mesi che ho messo piede qui e, facendo un paragone con altri periodi esistenziali, non devo lamentarmi. Non posso lamentarmi. In fondo questa sera ho visto una partita completamente inutile ai fini della classifica, ma mi hanno pagato per farlo. Tempo fa, non molto, mi sono ritrovato alle 9.30 di mattina a guardare gli Allievi dell’Arquatese per molto meno, quasi per niente. Un pomeriggio a Mornese mi sono ritrovato a litigare con una madre perchè era convinta che fossi parente di uno dei ragazzi in campo e si lamentava che suo figlio prendeva calci di continuo (“l’avesse iscritto al balletto”). Stasera, in una Behrn Arena popolata da una quarantina di spettatori, è andata fin meglio, perchè se c’è una cosa che apprezzo degli svedesi è la calma (tolto il venerdì sera) e la compostezza (tolto il sabato sera) e soprattutto che non si convincono che il loro figlio è Maradona solo perchè gioca nelle giovanili di una squadra di seconda divisione. Non mi posso lamentare, non mi devo lamentare, perchè tre anni fa, per la stessa cifra, mi sono vestito da uomo arancia e ho fatto il giro delle scuole della provincia a spremere arance per i bambini delle elementari.

Non mi lamento perchè stasera, prima della partita, ho approfittato dei cancelli aperti per fare una di quelle cose che divertono tantissimi il bambino di 8 anni che vive dentro di me: sono entrato in campo e per qualche secondo mi sono sentito un calciatore. Che poi in realtà ho fatto la stessa cosa al Bernabeu e paragonato con la Behrn Arena…hanno giusto in comune una vaga assonanza nel nome. Per gli almanacchi, Örebro-Degerfors 2-0.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...