Nazisti dell’Illinois – Compiti a casa

IMG_6029Complice un esamino che devo sostenere il mese prossimo, ieri sera ho fatto il giro dei pub di Örebro a far foto di gente che guardava Portogallo-Svezia. So che ai più la cosa può sembrare quantomeno bizzarra, ma giustamente, se il mio principale obiettivo di questi mesi é imparare le nozioni base di fotografia che riescano ad elevarmi un filino dai “Gatti su Instagram”, non potevo trovare un’idea migliore per combinare studio e, fondamentalmente, cazzeggio del venerdì sera.

La prima cosa che ho imparato é che fare foto al buio é un casino mostruoso, specie se il tuo insegnante non vuole che usi il flash e le funzioni della camera sono comprensibili quanto un papiro cinese del XIV secolo. La seconda, é che ogni cinque secondi arriva qualcuno implorandoti di non riprenderlo nell’obiettivo, incurante che le immagini, ben che vada, finiranno in un magazine scolastico che non leggerá nessuno. Stavo valutando l’ipotesi che fra le persone da me ritratte vi fossero latitanti pluridecennali della mafia svedese o, molto più semplicemente, giovincelli che, pur di aver un orgasmo di fronte a Zlatan, hanno mentito alla propria compagna annunciando l’improvviso decesso di una lontana zia nel Sormland.

La terza cosa che ho imparato é che se ti vedono con una macchina fotografica immaginano che lavori nel pub in questione e quindi il tuo compito principale, anziché fare foto a casaccio, é quello di indicare il bagno agli avventori. Ho girato un paio di pub, poi, un po’ perché ho trovato i miei amici, un po’ perché fondamentalmente mi ero rotto le balle, mi sono fermato al terzo. Commentare Portogallo-Svezia é un’opera che si può riassumere in un semplice concetto: il giorno che Ibrahimovic e Cristiano Ronaldo si ritirano, non vedremo mai più queste squadre sul palcoscenico internazionale. Ok, forse il Portogallo qualche chance in più ce l’ha, ma i gialloblù per me rimangono una squadra abbastanza inguardabile il cui unico scopo é tenere in caldo le passioni erotico calcistiche svedesi dopo la fine del campionato.

Fra gli highlights della mia serata: mentre mi catapulto verso un gruppo di beoni in maglia gialla, mi accorgo di aver pestato un piede ad un ragazzo dietro di me. “Förlåt mig”, gli faccio per chiedere scusa. Mi giro ed ha un taglio di capelli inequivocabile. Se ciò non bastasse, la maglietta “Anti-Antifa” lascia intuire da che parte si é collocato. Che poi, non avevo voglia di star lí a spiegargli che, se il suo paese é avanti un milione di anni rispetto al mio, é perché loro hanno avuto 80 anni di socialdemocrazia e noi 20 di crapa pelata, 50 di gobba e altri 20 di voi sapete cosa, ma temo che non si sarebbe accontentato di tale spiegazione e mi avrebbe rifilato un cazzotto fra le gengive, per cui ho lasciato le mie scuse a mezz’aria. Che tanto l’avrà capito che sono un “invandrare” (immigrato), gli resta solo da intuire se arrivo dall’Iran, dalla Turchia o chissà. In quanto a italiani, gli svedesi ci prendono solo se hai addosso simboli riconoscibili (maglia di Juve-Milan-Inter, un crocifisso o una pizza).

Alla fine sono tornato a casa senza denti rotti, ma con pochissime fotografie utilizzabili per il compito. Martedí c’é la partita di ritorno e mi sto chiedendo se sia meglio fare foto al martedì sera di gente che guarda Svezia-Portogallo o passare i sabati pomeriggio a vedere il campionato Allievi a Pozzolo Formigaro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...