Cinquanta chilometri – L’arbitro che non soffriva di manie di protagonismo

2014-05-07 20.18.152014-05-07 18.23.14Lo vedete quello che trema dal freddo alla fermata dell’autobus? Sono io, alle 22:45 del 7 maggio. Ma come, a maggio? Ok che siamo in Svezia, ma è pur sempre il centro-sud. Quello che trema dal freddo sta maledicendo due momenti che lo hanno ridotto in tale condizione: il primo è circa 6 ore prima, quando ha deciso di lasciare la bici in università per andare in stazione con l’autobus (“tanto me lo rimborsano”), il secondo è a marzo, quando ha fatto la valigia in Italia e ha detto, saccente, “La giacca pesante non al metto che riempio solo il bagaglio, l’ultima volta che sono stato in Svezia ad aprile facevamo il barbeque a petto nudo dal caldo che c’era.

Tutto questo, mentre alle 22:45 del 7 maggio, a Örebro, fermata dell’autobus “Behrn Arena”, ci sono 3° e piove ghiaccio.

Ma come? Ieri mica giocava l’Örebro?

Andiamo con calma. Vengo reclutato dalla mia compagnia per seguire, come sempre, l’incontro casalingo del Degerfors contro il Landskrona, una sfida disperata di bassa classifica in Superettan (Serie B, per coloro i quali si fossero collegati solo in questo momento). Nonostante il tempo orrido, arrivo allo stadio di buon’ora e le squadre si stanno allenando. Il campo è indubbiamente pesante, ma francamente ho visto partite giocarsi in acquitrini ben peggiori, fra cui una che costò lo scudetto alla mia squadra del cuore.

A un certo punto, i giocatori in maglia bianconera del Landskrona rientrano in fretta negli spogliatoi, mentre quelli del Degerfors si guardano stupiti e li seguono più lentamente. Alle 18:40 lo speaker annuncia: “A causa del maltempo, la partita è stata spostata alle 20:45 e si giocherà alla Behrn Arena ad Örebro”.

Fermi tutti: stiamo parlando di una partita di Serie B svedese, il Degerfors normalmente raccoglie un migliaio di spettatori nelle partite casalinghe, quindi siamo in piena media Lega Pro Seconda Divisione in Italia. Questi hanno spostato una partita a 50 chilometri di distanza! Tanto per rimanere sui parallelismi, avevo detto in precedenza che la regione del Närke, rossa, situata in mezzo alla Svezia e non lontana dalla capitale, era assimilabile all’Umbria e che Degerfors, altrettanto rossa e sede di numerose fonderie, poteva essere Terni. E’ come se avessero deciso disposto di spostare una partita della Ternana sul campo del Perugia con solo un’ora di anticipo!

Voi direte, “Ma si, é la Svezia, cosa vuoi che succeda”. Beh, andatelo a dire a quello che é morto ad Helsingborg alla prima di campionato, e poi, gli scontri della scorsa stagione al parco cittadino in occasione del derby, non se li é dimenticati nessuno.

La decisione, abbastanza cervellotica, l’ha presa il direttore di gara, poiché il Landskrona (che arriva dall’estremo sud e si é sobbarcato una trasferta abbastanza lunga) al sabato giocherá in trasferta ad Östersund (600 km a nord di Örebro) e non avrebbe avuto neanche 48 ore per riposarsi (oltre al lungo viaggio), nel caso la partita si fosse giocata l’indomani.

In realtá non é nemmeno la prima volta che capita: lo scorso anno una partita del Ljungskile venne spostata ad un paio di ore dal calcio d’inizio a Borås (circa 90 km). Anche per il Degerfors, lo Stora Valla é un campo maledetto, visto che lo scorso anno per i primi mesi la squadra ha dovuto giocare a Örebro e Karlstad, perché l’impianto non raggiungeva i requisiti minimi del Superettan (e ce ne vuole, visto il pollaio in cui si gioca a Ljungskile).

Alla fine chiedo a un collega se mi da uno strappo con la macchina e torno alla mia ridente cittadina. Alle 20:45 la partita, di fronte a 300 coraggiosi che hanno affrontato l’improvvisa trasferta. Il cambio di campo non ha portato bene, perché il Degerfors, che aveva vinto solo una partita, per giunta in trasferta, ha perso 1-0 contro il Landskrona che fino a quel momento languiva in coda con soli due punti, dopo essersi divorato almeno un paio dei gol piú facili della storia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...